Una città adagiata sul fondo valle, poco distante dalle acque cristalline del mare, dominata dal castello dei Malaspina intorno al quale si stringono le alte case del borgo medioevale che scendono fino alla sponda del Temo per animarsi con il leggero movimento delle palme affacciate sul fiume, che con il suo corso sinuoso attraversa la città da est a ovest. Questo è il suggestivo paesaggio che all’improvviso Bosa vi offrirà, affascinandovi per l’armonia del panorama e per la vitalità dei suoi colori: il verde intenso degli ulivi secolari e degli aranceti, l’azzurro del mare sullo sfondo, il rosa della pietra con cui sono ingentilite le case del centro antico, il rosso, il giallo e l’indaco delle tradizionali variopinte imbarcazioni dei pescatori locali. Bosa è situata sulla costa nord occidentale della Sardegna, in una zona popolata di numerosi piccoli centri agricoli da visitare, la Planargia, di cui è storicamente capoluogo e punto di riferimento.

INFO PERCORSO

Il percorso si svolge sulla parte sinistra del fiume Temo, dalla Piazza del Carmine si esce dall’abitato attraversando una delle porte storiche della cittadina, si aggira il colle Serravalle, dove sorge il Castello Malaspina e ci si immette sulla strada agricola di Santi Olma. Percorso circa un chilometro in pianura, con gli oliveti collinari sulla sinistra e campi coltivati sulla destra, si sale verso la località Terio immersi nei coltivi di oliva della cultivar “Bosana”. Oltrepassato il ruscello denominato Riu Moltu si attraversa un piccolo tratto di proprietà privata, si ritorna sulla strada di Santu Olma e in discesa si arriva alla omonima chiesetta campestre presso la quale sarà effettuato un rinfresco con bruschette, olio, ortaggi e frutta.  Da questa ci si ricollega alla strada asfaltata per la diga e si rientra verso Bosa, sulla parte est dell’abitato dalla porta di Santa Giusta. Il cammino è da considerarsi di pregio ambientale e storico-religioso, lungo il percorso si daranno informazioni a carattere storico, ambientale ed agricolo. 

Guarda la gallery